Sulle tracce dello yoga

Yoga moderno

Ashtanga Vinyasa Yoga

Ashtanga Vinyasa Yoga, di solito indicato semplicemente come Ashtanga Yoga, è uno stile di yoga reso popolare da K.Pattabhi Jois e viene spesso indicato come una forma moderna dello yoga.

L'Ashtanga Yoga ha una pratica predefinita divisa in 5 serie:

 

  • La prima serie (Yoga Chikista), che ha il suo inizio con il Saluto al Sole (Surya Namaskara), purifica e allinea il corpo.
  • La seconda serie (Nadi Shodhana), agisce sul sistema nervoso e apre i canali dell'energia.
  • Le ultime tre serie (Shtirabhaga), sviluppano la forza interiore.

 

Tutte sono caratterizzate da una difficoltà crescente e dalla presenza del Vinyasa

 

Il termine Vinyasa può essere scomposto nelle due parti "nyasa" che significa "posizionare" e "vi" che significa "in modo speciale". Questo si riferisce a un metodo che trasforma asana statiche in un flusso dinamico. Sono movimenti che preparano il praticante a una particolare asana e lo riportano in equilibrio una volta abbandonata la posizione, dove ogni passo prepara il successivo. 

ashtanga yoga

Nel Vinyasa si da risalto alla coordinazione movimento - respiro. La lunghezza di una inspirazione o una espirazione determina la lunghezza del tempo trascorso nella transizione tra le asana. In effetti l'attenzione, più che sul perfetto allineamento delle asana, viene posta sull'osservazione del respiro nel movimento. Lo stile di respirazione utilizzato in Ashtanga Yoga, è definito "respirazione libera con il suono", cioè una respirazione rilassata che emette un suono nella gola simile al rumore dell'oceano. L'attenzione sul respiro rende la pratica una specie di "meditazione dinamica".

 

Un altro scopo dell'attuare questo tipo di respirazione è quello di favorire la purificazione interiore. Il calore che si genera durante la pratica, provoca una profusa sudorazione che permette di espellere le tossine dal corpo. Il calore inoltre, soprattutto quando viene mantenuto abbastanza a lungo da riscaldare il tessuto connettivo, facilita lo scioglimento di muscoli, tendini e legamenti, rendendo il corpo flessibile. Quando il corpo diventa più flessibile è più facile eseguire alcune posizioni che vanno a stimolare gli organi interni e stimolano la purificazione messa in moto dal Vinyasa stesso. Questa mancanza di barriere può però essere pericolosa per chi è già molto flessibile, gli studenti meno prudenti possono mettere a rischio le proprie strutture articolari se non prestano attenzione.    

 

A completare la pratica è poi l'utilizzo di bandha, drishti (lo sguardo concentrato) e l'uso del mantra all'avvio e alla fine della pratica:

 


ASHTANGA YOGA MANTRAM

OM

VANDE GURUNAM CHARANARAVINDE

SANDARSHITA SVATMA SUKHAVA BODHE

NIH SHREYASE JANGALIKAYAMANE

SAMSARA HALAHALA MOHASHANTYAI

 

ABAHU PURUSHAKARAM

SHANKHACHAKRASI DHARINAM

SAHASRA SHIRASAM SHVETAM

PRANAMAMI PATANJALIM

OM

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

MANGALA MANTRA

 

OM

SWASTHI-PRAJA BHYAH PARI PALA YANTAM

NYA-YENA MARGHENA MAHI-MAHISHAHA

GO-BRAHMANEBHYAHA-SHUBHAMASTU-NITYAM

LOKA-SAMASTHA SUKHINO-BHAVANTHU

OM

SHANTIH SHANTIH SHANTIH

OM

 

 

FONTE

www.wikipedia.org