Che cos'è lo yoga

Respirazione e yoga

Swara Yoga: il ciclo del respiro alternato

Ci sono cicli del respiro che possiamo percepire nel nostro corpo, uno di questi è l'alternanza del respiro tra la narice destra (pingala nadi) e la narice sinistra (ida nadi). Il normale ciclo di respirazione alternata delle narici è di un'ora circa, cioè ogni 60 minuti una narice domina più dell'altra, alternandosi. E' invece, solo per un breve periodo, che entrambe le narici entrano in gioco insieme. Questo periodo si chiama il Kaal sandhi, quando anche la sushumna si attiva. Quando i tre canali sono aperti, la mente diventa unidirezionale, questo è il momento migliore per la meditazione. 

nadi: swara yoga

Ciascuna narice influenza la chimica del corpo in modo differente. Queste due nadi si incrociano nella sommità del naso ed hanno corrispondenza con gli emisferi cerebrali. L'emisfero destro, associato agli impulsi, sensazioni, immaginazione, ecc., collegato con la narice sinistra. L'emisfero sinistro, associato alla logica, attenzione per i dettagli, ecc., collegato con la narice destra. Di conseguenza anche il nostro sistema nervoso viene associato alle due nadi. La nadi di destra è associata al sistema nervoso simpatico o ortosimpatico e quella di sinistra al sistema nervoso parasimpatico, mentre la sushumna, che ha sede nella colonna vertebrale è direttamente collegata con il sistema nervoso centrale. 

 

La narice destra aumenta le secrezioni acide, mentre la narice sinistra aumenta le secrezioni alcaline. Il naso è in contatto diretto con l'ipotalamo per il suo legame con il lobo olfattivo del cervello. L'ipotalamo è una parte del sistema limbico, associato con gli istinti più primitivi. Le narici mediante il processo di respirazione, sono collegate con le risposte neuromotorie e quindi con il sistema nervoso autonomo. Queste risposte neuromotorie, influenzano gli emisferi del cervello e l'attività primaria del cervello, che è chimico. I neurotrasmettitori sono messaggeri chimici del cervello, questi influenzano tutte le funzioni del corpo. 

 

C'è una bella storia che racconta di un ministro che venne punito dal re con la reclusione in una torre. Il ministro chiese alla moglie di aiutarlo a scappare, dicendole di prendere un coleottero, due gocce di miele, un gomitolo di filo sottile e raffinato, una lunga cordicella e poi una lunga corda. Una volta prese queste cose, la moglie doveva lasciare il coleottero in fondo alla parete della torre, con le antenne inumidite di miele e il filo sottile legato al corpo. Annusando il miele, il coleottero continuava ad avanzare insinuandosi nel muro, fino a raggiungere il ministro. Egli entrato in possesso del bandolo del filo, chiese alla moglie di legare il filo all'altra estremità della corda. Poi tirando la cordicella arrivò fino alla corda, con la quale riuscì a fuggire.

 

Questo racconto ci dice che controllando il flusso del respiro siamo in grado di influenzare la mente. L'idea è quella di capire come gestire i collegamenti tra il corpo grossolano (corda), il corpo sottile (filo, respiro) e il corpo ultra sottile (profumo di miele, mente), in modo di aprire dei canali di crescita ed evoluzione. Influenzare i canali o nadi è la tecnica fondamentale di Swara Yoga. L'alternanza periodica delle narici equilibra l'intero sistema, garantire che questo equilibrio non venga disturbato è l'obbiettivo di Swara Yoga.

 

All'interno di questo ciclo c'è un altro ciclo, molto più sottile, che è il ciclo dei 5 elementi (tattva).

 

FONTE

www.soulcurrymagazine.com