Che cos'è lo yoga

Mudra

Cinque gruppi di mudra dello yoga

I mudra dello yoga possono essere suddivisi in cinque gruppi descritti come segue:

 

Hasta, mudra delle mani; i mudra delle mani sono mudra meditativi che ricanalizzano il prana emesso dalle mani all'interno del corpo. I mudra che uniscono il pollice e l'indice coinvolgono la corteccia cerebrale motoria a un livello molto sottile, generando un circuito di energia che scende dal cervello alla mano e poi risale. La consapevolezza conscia di questo processo porta rapidamente all'interiorizzazione. Tra queste tecniche ricordiamo: Gyana mudra, Chin mudra, Yoni mudra, Bhairava mudra e Hridaya mudra.

 

Mana, mudra della testa; queste pratiche formano parte integrante del kundalini yoga e molte sono tecniche meditative a pieno titolo. Esse utilizzano gli occhi, le orecchie, il naso, la lingua e le labbra. Tra queste tecniche ricordiamo: Shambhavi mudra, Nasikagra drishti, Khechari mudra, Kaki mudra, Bhujangini mudra, Bhuchari mudra, Akashi mudra, Shanmukhi mudra e Unmani mudra.

 

Kaya, mudra posturali; queste pratiche utilizzano posture fisiche unite al respiro e alla concentrazione. Tra queste tecniche ricordiamo: Prana mudra, Viparita karani mudra, Yoga mudra, Pashini mudra, Manduki mudra e Tadagi mudra.

 

Bandha, mudra di chiusura; queste pratiche combinano mudra e bandha. Esse caricano di prana il sistema e lo preparano per il risveglio della kundalini. Tra queste tecniche ricordiamo: Maha mudra, Maha bheda mudra e Maha vedha mudra.

 

Adhara, mudra perineale; queste tecniche ricanalizzano il prana dei centri inferiori verso il cervello. In questo gruppo si trovano i mudra che riguardano la sublimazione dell'energia sessuale. Tra queste tecniche ricordiamo Ashwini mudra e Vajroli/sahajoli mudra.

 

Questi gruppi impegnano aree estese della corteccia cerebrale. Il numero relativamente elevato dei mudra della testa e delle mani rispecchia il fatto che l'effetto e l'interpretazione delle informazioni che derivano da queste due zone del corpo occupa circa il cinquanta per cento della corteccia.

I mudra sono praticati sia in combinazione con asana e pranayama che dopo la pratica di asana e pranayama.

 

FONTE

"Asana Pranayama Mudra Bandha" di Swami Satyananda Saraswati (Edizioni Satyananda Ashram Italia)