· 

BHUPURA: LA BASE COSMOLOGICA DEI MANDALA E YANTRA

Bhupura, la base cosmologica dei mandala e yantra
Bhupura

Se prendiamo in esame i Mandala o Yantra partendo dall'esterno verso l'interno, come in un ideale percorso del meditante, notiamo come prima cosa un quadrato con quattro aperture. Il quadrato rappresenta la terra, il mondo materiale, e le quattro porte, sono i punti di accesso. 

 

Il quadrato è presieduto da dieci divinità, che sono in corrispondenza dei punti cardinali: nord, presieduto da Kubera, il signore della ricchezza; sud, presieduto da Yama, il signore della morte; est, presieduto da Indra o Aditya, la divinità del sole; ovest, presieduto da Varuna, il signore dell'acqua; nord-est, presieduto da Ishana, uno dei 5 aspetti di Shiva, rappresenta l'etere; sud-est, Agni, il signore del fuoco; nord-ovest, Vayu, il dio dei venti; sud-ovest, Pitru o Nairutya o Nirriti, il signore degli antenati; nadir, Vishnu, protettore del mondo; zenit/centro, Brahma, creatore dell'universo.

 

Questo quadrato è detto Bhupura; il termine deriva dalla radice Bhu, la terra e da Pura, ossia l'interno, come regione definita dello spazio. Il Bhupura è l'entrata o uscita dalla dimensione cosmica ed è formato da tre quadrati l'uno nell'altro. Ogni quadrato, è munito di quattro porte, una per lato. L'insieme dei tre quadrati, rappresenta l'orizzonte tra la dimensione terrena e quella celeste. Allo stesso tempo, i quadrati sono i confini del nostro sistema solare e sono delimitati dai tre pianeti: Urano, Nettuno e Plutone.

 

Ogni porta è associata ed un elemento e rappresenta una delle dimensioni possibili della vita. La porta est, è la porta del Sole e dei mantra, la nord, è la porta della Luna e della conoscenza, la sud, è la porta degli avi e della devozione, l'ovest, la porta del signore dell'acqua e dei riti sacri.

 

Il percorso del meditante, può avvenire dall'esterno all'interno o viceversa. L'entrata o uscita, avviene da una delle quattro porte del Bhupura. In corrispondenza dei primi otto punti cardinali, troveremo anche a presidio le otto Matrika, le dee indù, che nell'induismo tantrico, sono coloro che aiutano la grande Devi Shakta, nella lotta contro i demoni e rappresentano gli ostacoli che il meditante deve superare per raggiungere la realizzazione della Pura Coscenza, rappresentata dalla divinità che si trova nel centro del mandala o yantra.