· 

FILOSOFIA

Filosofia Yoga
Filosofia

Per comprendere lo yoga, è necessario conoscere le prerogative del pensiero filosofico indiano. Per la maggior parte degli occidentali, il tempo è lineare, inizia con la creazione dell'universo, intesa come Big Bang o atto di Dio creatore e procede verso un punto finale. In India, invece, prevale una concezione ciclica del tempo. Per alcuni maestri indiani, noi siamo spiriti eterni, e la creazione è un processo ciclico, che si ripete ogni miliardi di anni e riguarda solo l'aspetto materiale della vita.

 

Quindi noi siamo anime eterne che continuamente rinascono. Questo ciclo di continue rinascite, si chiama "samsara". Il "samsara", è determinato dalle azioni che compiamo, il "karma". Il "karma" è quindi quell'azione che determina il ciclo delle rinascite.

 

Gli indiani di fatto, non hanno concepito la vita come una lotta tra il bene e il male, ma tra l'ignoranza, l'"avidya", e la realtà, cioè tra quello che pensiamo di essere e ciò che siamo realmente, ciò che gli indiani chiamano genericamente come "maya", illusione. Lo yoga è quel cammino che serve a sottrarsi a questa "maya".